giovedì 26 maggio 2016

Perché per scaramanzia si tocca il ferro?Per evitare la sfortuna e fare...


Per evitare la sfortuna e fare scongiuri solitamente tocchiamo qualcosa di ferro, ma perché lo facciamo? Si tratta di un'usanza molto antica che interessa soprattutto i paesi mediterranei, quelli nordici infatti hanno il legno come elemento portafortuna, e viene fatta risalire ad una leggenda inglese, con protagonista san Dunstano.


Si racconta che sotto mentite spoglie il diavolo si presentò a san Dunstano, che di professione faceva il maniscalco, e gli chiese di ferrare il suo cavallo. Riconoscendolo, il Santo lo trattò a dovere ed inchiodò il ferro allo zoccolo con martellate così forti che il diavolo dovette chiedere di fermarsi implorando pietà. Non lasciandosi impietosire, il fabbro, che poi divenne arcivescovo di Canterbury nell'anno 959, gli propose un compromesso: lo avrebbe lasciato andare solo se da quel momento in avanti si fosse tenuto lontano dalle case dove erano esposti i ferri di cavallo.

La forma del ferro di cavallo, la quale ricorda vagamente quella di un anello, avrebbe una valenza magica e per tenere lontana la sfortuna andrebbe appeso con i due bracci rivolti verso l'alto e fissato con chiodi vecchi, arrugginiti ed in numero dispari.


Oltre al ferro di cavallo comunque si ritiene il ferro in sé per sé un elemento portafortuna, quindi per esempio anche solo un chiodo, in quanto questo metallo è legato all'idea della spada e delle armi in generale che, come si sa, simboleggiano la difesa da ogni pericolo. Quindi allo stesso modo nella credenza generale si pensa che il ferro protegga da qualsiasi male.


Fonte:http://www.paginainizio.com/

Nessun commento: