giovedì 8 giugno 2017

Le pesche La fibra insolubile di cui è composta fa della pesca un ottimo alimento per saziare


Le pesche


La fibra insolubile di cui è composta fa della pesca un ottimo alimento per saziare


Esistono tante varietà di pesche, ma tutte sono unite dallo stesso comune denominatore: sono buone, fresche, dolci e fanno bene alla salute. Specie in estate, quando questo frutto si afferma sulla tavola in tutta la sua personalità e il suo gusto.

Le proprietà nutrizionali


Il fatto di essere ricca di fibra insolubile fa della pesca un ottimo alimento per saziare, ma nello stesso non apportare troppe calorie. Anzi, le calorie che contiene una pesca sono davvero poche: solo 25 in 100 grammi, nocciolo ovviamente escluso.


Che cosa c’è nella pesca

Ma ecco che cosa contiene, nel dettaglio, la pesca:


molta acqua (il 90%);

sali minerali come ferro e potassio;

fibre;

vitamina C (circa il 10% del fabbisogno quotidiano);

provitamina A (il 50% dell’apporto quotidiano consigliato).

Le proprietà nutrizionali della pesca


La pesca può rappresentare un ottimo spuntino energetico e rinfrescante, magari come ingrediente di un bel frullato. E inoltre può essere:


un buon disintossicante perché leggermente lassativa e diuretica.

un efficace antietà, grazie agli antiossidanti che contiene.

una barriera protettiva per occhi e pelle per merito del betacarotene (che nell’organismo si trasforma in vitamina A).

Infine, è la soluzione più giusta per sopportare meglio il caldo, per merito del suo potere dissetante e della sua capacità di reintegrare i sali minerali perduti con il sudore.


Fonte:http://www.staibene.it/le-pesche/?refresh_cens

lunedì 22 maggio 2017

Yogurt per la salute e bellezza

Yogurt per la salute e bellezza

II termine Yogurt ha origini molto anti­che, infarti lo troviamo già menzionato nel primo vocabolario arabo del 1071, dove viene indicato come una parola di origine turca. Si tratta di un alimento derivato dal latte e ottenuto per fermentazione microbica del lattosio. Tale trasformazione può avvenire naturalmente per semplice esposizione all’aria oppure artificial­mente mediante l’aggiunta di particola­ri colture di migroorganismi: Lacto-bacillus bulgaricus, Lactobacillus acidophi-lus e Streptococcus termophilus. Come il latte, lo yogurt contiene protei­ne, zuccheri, sali minerali e vitamine. Ma lo yogurt non è solo un ottimo alimento, è anche utilissimo per curare la nostra salute e la nostra bellezza. SALUTE Gli effetti terapeutici dello yogurt sono basati sul suo utilizzo costante nell’alimentazione, a partire da un periodo di 15 giorni fino ad arrivare al suo consumo anche per tutta la vita. Al fine di sfruttare al meglio le sue benefiche proprietà, è meglio consumare yogurt fresco e natu-rale oppure yogurt dietetico con bassissimo tenore calorico. Se il sapore dello yogurt naturale risulta troppo acido e aspro si può aggiungere frutta fresca, fiocchi di cereali, miele, spezie, polvere di cacao e marmellata. USO INTERNO: Per intolleranza al lattosio: nello yogurt, rispetto al latte e ai formaggi, una parte del lattosio è trasformata in acido lattico e un’altra parte è scissa in galattosio e glucosio, per questo motivo lo yogurt è spesso indicato nei casi di intolleranza alimentare al lattosio, da utilizzare quindi all’occorrenza in sostituzione del latte. Per ostacolare fenomeni putrefattivi dell’intestino: grazie alla sua elevata acidità lo yogurt favorisce lo sviluppo della flora batterica intestinale acidofila, che impedisce l’insor­genza di fenomeni putrefattivi all’interno del’intestino. Per terapie con antibiotici: il consumo di yogurt fornisce risultati molto buoni durante e dopo terapie con antibiotici; in particolare, se si tratta di antibiotici inattivi contro batteri Gram-negativi è consigliabile assumere ogni 2 ore circa piccole quantità di yogurt. Per azione antibatterica: la flora batterica dello yogurt possiede un ottima ed efficiente azione antagonista nei confronti dei colibatteri, delle salmonelle e degli agenti batterici delle forme dissenteriche. USO ESTERNO: Per clisteri da farsi solamente in caso di gravi dissenterie, usare una quantità pari a 2 cucchiaini per clistere. Per trattamento di lesioni cutanee: coprire le parti interessate per 10-15 minuti con una garza su cui è stato spalmato lo yogurt. * Per lavande vaginali: utilizzare 1 cucchiai­no di yogurt per 1/2 1 di acqua, da fare solo in caso di gravi vaginiti. BELLEZZA Ma lo yogurt, come le patite dell’esteticafanno bene, è anche ottimo per la pelle. Ecco alcuni consigli per utilizzarlo al meglio e sfruttarlo per essere sempre più belle di giorni in giorno. USO INTERNO: Contro la caduta dei capelli, per rassodare i muscoli addominali, per la luminosità della pelle ecc.: aggiungere lo yogurt nell’alimenta­zione quotidiana, consumarlo al mattino a digiuno. USO ESTERNO: Maschere per pelli grasse, secche e miste: le maschere preparate con lo yogurt agiscono in profondità sia per quanto riguarda la pulizia sia per quanto riguarda il nutrimento della pelle stessa. Per una pelle grassa mescolare a 1 vasetto di yogurt naturale 1 cucchiaio di argil­la verde ventilata e 1 cucchiaio di mandorle pelate e ridotte in polvere; amalgamare bene e applicare sulla pelle del viso. Lasciare agire per 10-15 minuti, quindi togliere risciacquando con acqua tiepida. Se si utilizza argilla bianca anziché verde si ottiene anche un ottimo effetto schiarente. In caso di pelle secca mescolare a un vasetto di yogurt 1 cucchiaio di olio d’oliva e un tuorlo d’uovo. Amalgamare bene e procedere come sopra indicato. In caso di pelle mista fare un decotto di calendula (un pugno di fiori per una tazza di acqua) e lasciarlo intiepidire; mescolarlo a un vasetto di yogurt naturale e applicare il composto sul viso. Lasciare agire per 15 minu­ti circa e togliere risciacquando con acqua tiepida. Lentiggini: preparare una maschera mesco­lando un vasetto di yogurt naturale con un cucchiaio di argilla bianca e un cucchiaino di olio di mandorle dolci. Pori dilatati: mescolare a un vasetto di yogurt 2 cucchiai di cetriolo grattugiato o 2 cucchiai di fragole schiacciate. Amalgamare bene e lasciare agire per 15 minuti circa; togliere risciacquando con acqua tiepida. Cosa aspettate ad utilizzarlo? Sicuramente lo avrete in frigo in questo momento. Buona cura con lo yogurt


Fonte:web

giovedì 11 maggio 2017

Torta glassata,festa della Mamma.

Torta glassata,festa della Mamma.


Ingredienti:1 pan di spagna,4 gocce succo di limone,2 albume, 250 gr zucchero a velo,q.b. colorante alimentare,q.b. gelatina liquida,q.b. fragolina.Persone 8


Procedimento:Preparare la glassa - L'ingrediente base è lo zucchero a velo da mescolare semplicemente con acqua. Ma, se volete una glassa più consistente, usate gli albumi.

1) Raccogliete in una ciotola 250 g di zucchero a velo setacciato e unitevi 2 albumi leggermente sbattuti, mescolando con un cucchiaio di legno.

2) Unite 3-4 gocce di succo di limone: così non si sentirà il retrogusto dell'albume e la glassa (anche quella all'acqua) diventerà più bianca e brillante.

3) Lavorate la glassa, continuando a mescolare energicamente per qualche minuto, fino a ottenere una pastella densa e perfettamente liscia.


Glassare la torta - Utilizzate un pan di Spagna rotondo (o una torta Margherita) di 22-24 cm di diametro, possibilmente sfornato 1-2 giorni prima per evitare che si sbricioli quando stendete la glassa.

4) Appoggiate la torta da glassare sopra una gratella e spennellate superficie e bordi con un velo di gelatina di albicocche fatta prima intiepidire.

5) Versate al centro della torta, a filo, metà dose della glassa preparata e, con una spatola di metallo, stendetela sulla superficie in un velo uniforme.

6) Versate la glassa rimasta e stendetela facendola scorrere lungo i bordi; raccogliete quella che cola e tenetela da parte: servirà per la scritta.

Decorare la torta - Con un po' di glassa colorata e qualche fragolina otterrete una decorazione semplice e d'effetto, che potrete personalizzare secondo la vostra fantasia.

7) Quando la superficie è quasi asciutta (aspettate 10-15 minuti), fate sui bordi un giro di fragoline e completate con un cuore tutto di fragoline.

8) Colorate la glassa tenuta da parte con qualche goccia di colorante alimentare rosa e riempite un cornetto di carta. Se è troppo fluida unite altro zucchero.

9) Chiudete la base del cornetto, poi, premendo leggermente, fate scendere un filo di glassa rosa e scrivete una frase affettuosa per la mamma.

10) Servite la torta glassata con dolce scritta.


Fonte:http://ricette.donnamoderna.com/torta-glassata

lunedì 10 aprile 2017

Come inserire una sorpresa nell'uovo di Pasqua?


Talvolta le sorprese che si trovano nell'uovo di Pasqua sono deludenti e di poco valore, dunque personalizzarlo con un regalo particolare e scelto ad hoc per la persona che riceverà il pensiero è sicuramente un'idea originale e probabilmente molto gradita. 

Con qualche piccola accortezza e seguendo una semplice procedura è possibile inserire la sorpresa autonomamente, aprendo un uovo di cioccolata acquistato in negozio. Di seguito vediamo come effettuare l'operazione in modo corretto, senza quindi rischiare di frantumare il cioccolato.

1) Scartare l'uovo confezionato, evitando di tagliare gli spaghi e senza rovinare l'involucro.

2) Prendere un coltello da cucina (con il manico in legno o plastica) e scaldare la lama al fornello, facendola diventare incandescente.

3) Con delicatezza praticare un'apertura lungo la linea verticale di attaccatura, posta lungo la metà dell'uovo. Qualora la lama dovesse raffreddarsi, scaldarla nuovamente come indicato nel punto 2.

4) Avvolgere la sorpresa con della carta o della plastica, in modo da isolarla dal cioccolato. 

5) Inserire la sorpresa in una delle due metà dell'uovo.

6) Far sciogliere a bagnomaria una barretta di cioccolato.

7) Passare rapidamente la fiamma di un accendino lungo i bordi delle due metà dell'uovo, poi chiuderlo. 

8) Immergere un pennello da cucina nel cioccolato precedentemente sciolto e stenderlo un poco lungo il punto di chiusura dell'uovo, rimuovendo eventuali eccessi.

9) Mettere l'uovo in frigorifero per almeno un'ora, in modo da far solidificare le parti precedentemente ammorbidite.

10) Richiudere l'uovo con il suo involucro oppure con una confezione personalizzata.

Fonte:http://www.paginainizio.com/genio/come-inserire-una-sorpresa-nell'uovo-di-pasqua.html

mercoledì 15 marzo 2017

Zeppole di San Giuseppe al forno



Zeppole di San Giuseppe al forno

Ingredienti per 6 persone
Un pizzico di sale
Per la crema:
500 ml di latte fresco
Una confezione di crema pasticciera istantanea
Una bustina di zucchero a velo
Amarene sciroppate

Preparazione:Prendere una pentola ed aggiungere l'acqua, il burro e un pizzico di sale e poi metterla a scaldare; toglierla dal fuoco quando il burro sarà completamente sciolto e l'acqua avrà raggiunto il bollore.
Versarvi quindi i 300 gr di farina e con un mestolo amalgamare bene tutti gli ingredienti; quando essi son diventati un tutt'uno omogeneo, rimettere la pentola sul fornello a fiamma bassa e continuare a mescolare fino a quando si forma una patina bianca sul fondo della pentola.
A questo punto, aggiungere lo zucchero e riprendere a mescolare energicamente. Versare quindi il composto nella ciotola del robot da cucina e lasciarlo freddare; quando risulta tiepido, azionare le fruste e unirvi la buccia grattugiata del limone.
Poi, versarvi anche le uova, una per volta, aspettando sempre che quello precedente sia totalmente assorbito.
L'impasto è ora pronto e può essere versato in una sac à poche con beccuccio a forma di stella. Stendere ora la carta forno su una teglia e formare tanti cerchi separati facendo pressione sulla sac à poche.
Dopodiché infornare a 160° per 10 minuti e poi abbassare la temperatura a 140° e far cuocere fino a quando le zeppole si presenteranno ben dorate. Poi, passare alla preparazione della crema: versare il latte fresco in una ciotola alta e poi aggiungervi, in maniera graduale, il contenuto della confezione di crema pasticciera istantanea.
Azionare quindi uno sbattitore elettrico e far mescolare il tutto per due minuti circa. Dopodiché, inserire la crema realizzata all'interno di una sac à poche e decorare il sopra delle zeppole.
Chi vuole invece farcire l'interno delle zeppole, può dividerle a metà, aggiungere la crema e poi richiuderle.
Infine, come ultimo tocco si consiglia di mettere un'amarena sciroppata sopra a ciascuna zeppola e poi dare una spolverata generosa di zucchero a velo.